Cancellazione Protesti: Approfondimento

REGIO DECRETO 21 dicembre 1933, n.1736 Disposizioni sull'assegno bancario, sull'assegno circolare e su alcuni titoli speciali dell'Istituto di emissione, del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia. (GU n. 300 del 29-12-1933)

  • TITOLO I - Dell'assegno bancario
  • Capo I - Della emissione e della forma dell'assegno bancario.
  • Capo II - Del trasferimento.
  • Capo III - Dell'avallo.
  • Capo IV - Della presentazione e del pagamento.
  • Capo V - Dell'assegno bancario sbarrato, dell'assegno bancario da accreditare, dell'assegno bancario "non trasferibile", e dell'assegno turistico.
  • Art. 40.
    Il traente o il portatore dell'assegno bancario puo' sbarrarlo con gli effetti indicati nell'articolo seguente. Lo sbarramento e' fatto con due sbarre parallele opposte sulla faccia anteriore. Esso puo' essere generale o speciale. Lo sbarramento e' generale se tra le due sbarre non vi e' alcuna indicazione o vi e' la semplice parola "banchiere" o altra equivalente; e' speciale se tra le due sbarre e' scritto il nome di un banchiere [77]. Lo sbarramento generale puo' essere trasformato in sbarramento speciale; ma questo non puo' essere trasformato in sbarramento generale. La cancellazione dello sbarramento o del nome del banchiere [77] si ha per non fatta.
  • Art. 41.
    L'assegno bancario con sbarramento generale non puo' essere pagato dal trattario che a un banchiere [77] o a un cliente del trattario. Un assegno bancario con sbarramento speciale non puo' essere pagato dal trattario che al banchiere designato, o, se questi e' il trattario, a un suo cliente. Tuttavia il banchiere designato puo' servirsi per l'incasso di altro banchiere. Un banchiere non puo' acquistare un assegno sbarrato che da un suo cliente o da altro banchiere. Non puo' incassarlo per conto di altre persone tranne le anzidette. Un assegno bancario con diversi sbarramenti speciali non puo' essere pagato dal trattario salvo il caso che si tratti di due sbarramenti, di cui uno per l'incasso a mezzo di una stanza di compensazione. Il trattario o il banchiere che non osservi le precedenti disposizioni risponde del danno nei limiti dell'importo dell'assegno bancario.
  • Art. 42.
    Il traente o il portatore di un assegno bancario puo' vietare che esso sia pagato in contanti, apponendo sulla faccia anteriore in senso trasversale le parole "da accreditare" o altra espressione equivalente. In questo caso l'assegno bancario non puo' essere regolato dal trattario che a mezzo di una scritturazione contabile (accreditamento in conto, giro in conto, compensazione) [c. 1823 s.]. Il regolamento per scritturazione contabile equivale a pagamento. La cancellazione delle parole "da accreditare" si ha per non fatta. Il trattario che non osservi le norme sopra indicate risponde del danno nei limiti dell'importo dell'assegno bancario. Il trattario non e' tenuto ad accreditare l'assegno che ad un proprio correntista.
  • Art. 43.
    L'assegno bancario emesso con la clausola "non trasferibile" [73] non puo' essere pagato se non al prenditore o, a richiesta di costui, accreditato nel suo conto corrente. Questi non puo' girare l'assegno se non ad un banchiere [77], per l'incasso, il quale non puo' ulteriormente girarlo. Le girate apposte nonostante il divieto si hanno per non scritte. La cancellazione della clausola si ha per non avvenuta. Colui che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal prenditore o dal banchiere giratario per l'incasso risponde del pagamento. La clausola "non trasferibile" deve essere apposta anche dal banchiere su richiesta del cliente. La stessa clausola puo' essere apposta da un girante con i medesimi effetti. Le disposizioni del presente articolo si applicano soltanto agli assegni pagabili nel territorio della Repubblica o nei territori soggetti alla sovranita' italiana.
  • Art. 44.
    Il traente dell'assegno bancario puo' subordinarne il pagamento all'esistenza sul titolo, nel momento della presentazione, di una doppia firma conforme del prenditore (assegno turistico).
  • Capo VI - Del regresso per mancato pagamento.
  • Capo VII - Dei duplicati.
  • Capo VIII - Delle alterazioni.
  • Capo IX - Dell'ammortamento.
  • Capo X - Della prescrizione.
  • Capo XI - Disposizioni generali.
    • TITOLO III Dei titoli speciali dell'Istituto di emissione
  • Capo I - Del vaglia cambiario.
  • Capo II - Dell'assegno bancario libero.
  • Capo III - Dell'assegno bancario piazzato.
    • TITOLO IV Dei titoli speciali del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia
  • Capo I - Del vaglia cambiario.
  • Capo II. - Dell'assegno di corrispondenti.
  • Capo III. - Della fede di credito.
  • Capo IV - Della polizza notata del Banco di Napoli.

  • Cancellazione Protesti: Menu

    Cancellazione Protesti

    Informazioni, modulistica e normativa sulla cancellazione dei protesti

    Titoli Cambiari Titoli Cambiari
    Cambiale Tratta Cambiale Tratta
    Pagherò Vaglia Cambiario Pagherò o Vaglia Cambiario
    Requisiti Titoli Cambiari Requisiti dei titoli cambiari
    Avallo Avallo
    Girata Girata
    Protesto Protesti
    Elenco dei protesti Registro informatico dei protesti
    Visure e certificati di esistenza protesto Visure e certificati protesti
    Cancellazione dall'elenco dei protesti Cancellazione protesti cambiali
    Annotazione avvenuto pagamento Annotazione avvenuto pagamento
    Privacy e diritti del protestato Privacy e Registro Informatico dei Protesti
    Cancellazione protesto assegno Cancellazione protesti assegni
    Pagamento tardivo assegni iscrizione al CAI Pagamento tardivo assegni: iscrizione al CAI
    Leggi e Norme relative ai titoli cambiari e ai protesti Normativa
    Modulistica Modulistica
    Dove rivolgersi: Uffici Protesti delle Camere di Commercio Dove rivolgersi
    Leggi e Norme relative ai titoli cambiari e ai protesti Banche e finanziamenti
    Dove rivolgersi: Uffici Protesti delle Camere di Commercio Apertura conto corrente a protestato